Area Poiesi partner del progetto “RelAzioni a Catena – comunità educante in movimento

Area Poiesi partner di AIM nel progetto “RelAzioni a Catena – comunità educante in movimento”.

Come Associazione che da anni si occupa di preadolescenti e adolescenti, Area Poiesi propone, all’interno del più ampio progetto RelAzioni a Catena, attività psicoeducative da svolgersi nei gruppi classe, create e pensate per offrire agli alunni uno spazio di riflessione entro cui esprimere ed elaborare, attraverso la parola e il fare insieme, i profondi cambiamenti evolutivi ed emotivi che caratterizzano questa delicata fase evolutiva.

Area Poiesi incontra la scuola

Laboratori psicoeducativi per il gruppo classe. Il focus degli incontri è sull’utilizzo delle nuove tecnologie (internet, videogiochi e social media) ed ha l’obiettivo di sensibilizzare gli adolescenti ad un uso adeguato e creativo di tali strumenti, attraverso azioni mirate alla significazione e condivisione del legame tra questi e alcune forme di disagio psichico espresse individualmente (ritiro sociale, esposizione del corpo/sessualità) ed in particolare nelle dinamiche di gruppo (cyber bullismo).

Gruppi di discussione con i genitori e con gli insegnanti che mirano a favorire la comunicazione tra le generazioni riguardo il buon uso delle tecnologie con il fine di favorire lo sviluppo di una comunità competente in grado di individuare risorse al suo interno utili all’eventuale realizzazione di cambiamenti auspicati. Gli incontri inviteranno ad un’ampia riflessione sulla questione dei “nativi digitali” a scuola, soffermandosi sulle caratteristiche affettive e relazionali di tali adolescenti, sull’impatto che le nuove tecnologie hanno avuto in ambito scolastico e su come queste abbiamo modificato il rapporto docente/allievo e fornendo strumenti di lettura validi alla comprensione dei nuovi fenomeni sociali e alle loro implicazioni psicologiche. In tale prospettiva, un’attenzione specifica sarà dedicata alla relazione tra compiti evolutivi dell’adolescente e modalità di utilizzo degli strumenti tecnologici.

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.